Guida sotto l’effetto di cocaina, la Cassazione assolve un automobilista.

Immagine: opera d’arte di Paco Martin Domínguez

image

La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso di un uomo condannato per guida in stato di allucinazione in quanto non era stato eseguito un esame più accurato che accertasse con certezza il tempo di assunzione della sostanza stupefacente; la droga,infatti, dopo essere stata assunta rimane in circolo per diverso tempo.
Quindi, secondo la Corte era necessaria una ulteriore indagine con riferimento al tempo di assunzione della cocaina perché se la cocaina fosse stata assunta qualche giorno prima questo non avrebbe potuto determinare una alterazione psicofisica durante la guida.
La Corte ha accolto il ricorso dell’uomo perché la Corte di Appello non aveva dato peso alle dichiarazioni rese da un responsabile delle unità operative di un ospedale pugliese dove erano state eseguite le analisi biologiche; il responsabile aveva precisato che il laboratorio non era attrezzato per fare un test di livello superiore in grado di calcolare i metaboliti della cocaina; inoltre, il convincimento della Corte e’ derivato anche dalle insufficienti dichiarazioni del verbalizzante che aveva contestato genericamente all’automobilista comportamenti non adeguati per la guida di un veicolo senza però descrivere dettagliatamente i sintomi.
Corte di Cassazione sentenza n. 8383 del 1 marzo 2016

Senza categoria

Informazioni su bricioledidiritto

Mi chiamo Barbara Pirelli e sono un avvocato del Foro di Taranto. Da circa tre anni, e cioè da quando ho cominciato a scrivere articoli giuridici, mi sono appassionata all'informazione giuridica. Cerco di fare una informazione giuridica anticonformista ed è per questo che ho dato vita ad una serie di progetti. Uno di questi l'ho realizzato l'anno scorso e si chiama Diritto & Arte, in buona sostanza associo delle sentenze da me riassunte, che io chiamo Briciole di Diritto, con l'arte pittorica e fotografica . Le opere d'arte che utilizzo appartengono ad oltre 20 artisti che hanno aderito al mio progetto. Briciole di Diritto e' diventata una rassegna giurisprudenziale che pubblico periodicamente su Studio Cataldi ; a febbraio 2016 la rassegna compirà due anni. La rassegna giurisprudenziale " Briciole di Diritto " e ' anche in versione video; anche questo e' un modo nuovo di fare informazione giuridica. La versione video di Briciole e' un progetto che è partito a settembre ed è piaciuto molto; i video sono brevi e facilmente comprensibili,inoltre, ho cercato di dare un taglio femminile e glamour, guardando i video capirete... Ho dato vita anche ad altri progetti come " Tour turistico del diritto" e " Domiciliazioni post-it"; di questi ne parlerò nel sito,scriverlo diventerebbe troppo lungo. Insomma, questa sono io e il mio sito mi rappresenta; credo nelle idee semplici che possono cambiare non solo il mondo ma soprattutto se stessi . Vi lascio con una mia frase che mi sono ripetuta tante volte,come un mantra: " mai sottovalutare un ottimista". Avv. Barbara Pirelli e.mail: [email protected]

Precedente Autista stressato perché non fa le soste tra una corsa ed un'altra. Successivo Il giudice non può decidere discostandosi completamente dalle relazioni peritali.